PROGETTO LA BASTARDERIA DI NARNI MEMORIE E ARTE

IL PROGETTO LA BASTARDERIA DI NARNI MEMORIE E ARTE

 

 

E’ STATO FINANZIATO DALLA FONDAZIONE CARIT

NEL BANDO 2/2021 settore B) Arte, attività e beni culturali

 

Il Progetto tende a sviluppare l’articolato progetto culturale che l’Azienda sta portando aventi dal 2015 con il prezioso contributo della Fondazione (il restauro della quasi totalità delle opere d’arte (Bandi 2015 e 2017), l’inventariazione e messa in rete del patrimonio Archivistico (Bando 2010), la creazione della Sala Espositiva “Martino Innico Caracciolo” (Bando 2019), la pubblicazione del volume “Il Beata Lucia di Narni. Un patrimonio storico e artistico della Città” (Bando 2018), la Terrazza dei plenaristi (Bando 2020) in corso di realizzazione.

Nell’idea si vuol creare una duplice memoria:

Quella Orale mediante la creazione di un “Archivio della memoria”; questo sarà composto da una raccolta di interviste a persone che a vario titolo hanno ruotato all’interno del Beata Lucia nel corso del ‘900 al fine di conservare il prezioso patrimonio umano che ha vissuto attorno a questa storica istituzione narnese. Tale archivio sarà tramesso all’interno della sala espositiva diventando una sorta di voce narrante affiancata alla parte archivistica ivi esposta e sarà la base per la realizzazione di una pubblicazione socio-antropologica.

Si sottolinea come il Brefotrofio fosse un luogo emblematico della complessità novecentesca, ricco di coscienza ed identità, dove il conflitto ha risieduto attraverso i drammi e le opportunità delle esperienze umane, sociali, sanitarie e politiche che hanno convissuto. Uno spazio pubblico, istituzionale e al contempo nascosto, a volte negato o narrato sottovoce c che, attraverso la presente progettualità, si intende far riappropriare alla città, mostrando e narrando un pezzo della sua storia mediante la viva voce delle lavoratrici, degli amministratori, dei politici e, soprattutto delle bambine e dei bambini che hanno vissuto l’Istituto Beata Lucia.

Quella artistica mediante la realizzazione di un pregevole Volume sulla Chiesa intitolata alla Beata Lucia da Narni, alle opere ivi conservate e al progetto di restauro che l’Azienda vuol realizzare al fine di rendere visibile la duplice veste dell’Istituzione protagonista nel campo sociale con le attività e in quello artistico con le opere di pregio conservate (Stefano Parrocel e Filippo Agricola), gli altari e gli stucchi presenti.

 

GRAZIE ALLA FONDAZIONE CARIT DA SEMPRE VICINA AL BEATA LUCIA NELLO SVILUPPO CULTURALE DELL’AZIENDA

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked*